Di un progetto che è un viaggio

(di Isabella De Rorre)

Luglio è per definizione mese di relax, di vacanze, e di viaggi, di grandi e piccole esplorazioni. Non poteva la nostra redazione non affrontare il tema, interpretandolo in più modi. Esiste allora il viaggio verso una nuova vita, che sia matrimonio o scoperta di altri orizzonti lontani. Esiste un viaggio che parte da un calice di vino e nasconde miglia e tradizioni diverse; quello che passa per una mise en place nomade ma elegante in un prato, soffia delicatamente su fiori colorati disposti in un caos geniale e chic in vasi di recupero, e fugge attraverso il dondolio di tanti memorabilia appesi ai rami di un albero. Quello che è viaggio verso la moda che sarà e la prossima generazione di stilisti talentuosi, capaci di vivere il presente ma con la testa proiettata al futuro. Sono felice di notare che al progetto theWProject, che è uno dei viaggi più irresistibili, faticosi, stimolanti che abbia mai intrapreso, accorrono altri amici e amiche e si aggiungono quindi altre redattrici, per la precisione: Elena Bonomi, che ritorna a me con affetto dopo gli anni del weddig, e  che tratterà di ispirazioni e brevi racconti; Roberta Pompeo, nata con la moda e gli eventi e wedding and event planner, che ha aperto una finestra sulla Toscana e non solo; Marzia Mazzuccato, che intervisterà novelle spose che sono ricorse o meno all’aiuto dei wedding planner per organizzare il loro matrimonio; Marta Petrini, garden designer, che progetterà begli spazi verdi da vivere per voi. E altri stanno arrivando.  Per questo, nella foto, io non vedo solo modelle e una parte della redazione. Vedo l’impegno comune a trasformare il progetto in un viaggio compiuto e bello. Ci vedo fatica e prove e emozione.  Come in ogni viaggio che si rispetti, luoghi e persone assumono un ruolo ed entrano a far parte della vita vera. I luoghi diventano, o restano, cari al cuore, e le persone che incontriamo diventano o si confermano amici. Che strada sarebbe quella percorsa da soli? Una strada spedita forse, ma molto più triste e spoglia. Noi di theWProject amiamo da sempre i sentieri meno battuti. Per cui, non vi diamo consigli su dove trascorrere le vostre vacanze (o forse qualcuno sì), ma vi chiediamo di partire. Ora. Subito. Di entrare nelle pagine di un libro, nell’allestimento di un evento, nella gonna frusciante di un abito da sposa, in un giardino fiorito. Di stappare una bottiglia, o di mangiare un piatto diverso dal solito. Di portare poche cose per il vostro viaggio, e di dimenticare qualcosa, perchè il viaggio stesso sia almeno un pò avventuroso. Per vedere, nelle foto che riporterete, amici cose luoghi che assomiglino ad un posto il più possibile vicino al vostro cuore.  (foto Luca Arnone)

In prima fila sedute: Francesca Paredi (Due Cuori e una Valigia) e Giada Pezzoni, in abiti e coroncine vintage Officina delle Fate

Da sinistra, seduti: Marzia Mazzuccato (Le Spose Raccontano), Tiziana Temporali (Passione Fiorita), Tommaso Porta, Antonella De Lucia (A Occhi Aperti), Paola Roganti Spoletini (Passione Fiorita), Daniela Stella (La Spina del Bouquet)

In piedi, da sinistra: Gianmaria Vercesi (titolare Azienda Agricola Vercesi Del Castellazzo), Claudio Cardone, Francesca Fiorentini (Moda e Modo/ About the Dress), Luca Arnone (Una Foto Una Storia), Roberto Ramperti (titolare pasticceria Ramperti), Francesco Porta, Sarah Tavazzani (in abito e coroncina vintage Officina delle Fate), Isabella De Rorre, Francesco Vercesi

Un ringraziamento particolare va a Fabio Porta, per la stoica sopportazione. A Gianmaria e Daria Vercesi per l’accoglienza affettuosa e la messa a disposizione della location. A Cedric e a Oliver, per l’energia il primo e lo shooting con sposa e valigia l’altro. A tutti coloro che hanno partecipato, come modelle, redattrici, guest star, per continuare ad assecondare le follie di chi scrive.