Un (altro) anno da ricordare

(di Isabella De Rorre)

I bilanci, a noi di theWProject, piacciono davvero poco. Ci piace di più considerare questa avventura, straordinaria impegnativa faticosa appassionante, come un viaggio iniziato quasi per scommessa due anni fa. Un viaggio che, in questo 2016, ha gettato le basi per altri progetti e cambiamenti che impegneranno tutto il 2017. La redazione lo affronterà come sempre fatto finora: telefonate e whatsapp interminabili e feroci, bisticci, riappacificazioni, cambi di idea dell’ultimo minuto su una mise en place, una copertina, un abito, un articolo. Molte cioccolate calde. Messaggi in piena notte per riprendere le fila di un servizio o parlare dell’ultima ispirazione per il prossimo perchè non si può aspettare il giorno dopo. Foto, milioni di foto.  Ecco, se c’è una cosa che sappiamo, è che la redazione non può aspettare: mettere insieme così tanti cervelli, e cuori, così brillanti, è impegnativo e costa continua attenzione e dedizione. Le idee corrono velocissime, ci si confronta e già quello che era stato proposto all’inizio sembra vecchio, sembra da migliorare. Ecco, se c’è un’altra cosa ancora che sappiamo, è che la redazione ama imparare, e non si risparmia quando c’è da provare qualcosa di nuovo, da mettersi alla prova. Ventiquattro redattori, numero che fa paura solo a vederlo scritto, figuriamoci a dirlo, e che sta ancora aumentando, è un dato importante per spiegare un anno di fede assoluta, di lavoro duro e serio. Di passione vera. Il direttore sorride quando guarda alla redazione, composta da designer, wedding planner, esperti di marketing, flower and garden designer, sommelier, commerciali, fotografi, architetti, storici dell’arte, avvocati, consulenti di formazione, creativi… E le viene in mente il titolo di un film: “I cavalieri che fecero l’impresa”. Ecco, in poche parole, il segreto di tanto divertimento e di tanta determinazione: siamo un’armata che guarda oltre le proprie sfere di competenza, e anzi le utilizza per realizzare qualcosa di comune e sentito che, ci sembra, ve lo confessiamo, bellissimo. Ecco perchè nel 2017 theWProject diventerà ancora più nostro per essere più vostro, più trasversale, più esigente con se stesso, più affamato di ricercare gli stimoli, le ispirazioni, le idee, che stanno dietro ad un progetto, di matrimonio, di evento, di vita, ben riuscito. Può darsi che la W del nostro nome non starà più solo e soltanto per Wedding. Di certo, noi siamo, e saremo, qui. Con la stessa speranza e con l’augurio che facciamo a voi: di continuare a essere esigenti e a fare progetti, di voler migliorare. Di vivere davvero. Buon Natale e Buon Anno nuovo da tutti noi.