La tavola della Sposa- fra architettura e arte

(Ricerca elementi compositivi e styling a cura di Daniela Stella e Antonella De Lucia)

vit_0386

La Sposa Intimista, che dia peso ad emozioni e alla loro sostanza, si circonderà di oggetti che la rappresentino e che abbiano una storia da raccontare. Nella cornice di Villa Leoni, esempio ben conservato di architettura razionalista, si accompagnano perciò alla composizione floreale di Coral Fiori e Interpretazioni libri di architettura e di letteratura di autori dell’epoca, un vaso e una scatola originali anni Trenta, una tazza di Fornasetti. Minimale, razionalista, vero. Votato all’essenza e non all’apparenza. Su cui sia possibile far scivolare lo sguardo con serenità e riconoscersi.

 

 

Una Sposa Esigente a Milano

(di J. March)

Cosa ama una sposa esigente che si trovi a Milano durante la settimana del design? theWProject ha provato a immaginarlo, creando una bride room all’interno di Coffice Milano, uno spazio coworking innovativo e confortevole a dieci minuti dal centro città.

dsc_4451Per prima, la scelta dell’abito che, per celebrare un grande stilista e una città che da sempre ospita le sue creazioni, non poteva che portare la firma Giorgio Armani: abito vintage ma di un’attualità che non stupisce considerato il designer che lo ha realizzato. E completo casacca e pantalone a sottolineare la contemporaneità e la funzionalità dello stesso. Adatto sia a cerimonia in chiesa sia a rito civile.

 

 

 

 

 

 

 

Le scarpe? Prova difficile ma che una sposa attenta ai dettagli supera con stile, cioè osando osando un paio di Manolo Blahnik dal colore deciso ma su una struttura classica

dsc_4484dsc_4477

o rinunciando a colori accesi per il più classico della tavolozza sposa, il bianco, ma dalle inconfondibili suole rosse a contrassegnare la firma di Christian Louboutin e con un dettaglio delizioso a interromperne la linearità

dsc_4491

Molte altre le scelte possibili, che vi proponiamo a seconda del carattere della sposa e dell’interpretazione che si vuol dare all’outfit

dsc_4502 dsc_4497 dsc_4486 dsc_4474

 

Se la nostra sposa fosse poi un architetto, di sicuro anche poco prima di prepararsi per il giorno del sì, troverebbero spazio nella sua stanza i disegni tecnici e oggetti che sono ormai simboli delle aziende che li producono e icone del design

dsc_4464

progetti: archivio Arch. De Lucia

dsc_4454dsc_4468

Candelabro Driade, Caffettiera Alessi

Vasi in foto copertina: Sillabe Design

(Location: Coffice Milano; styling Antonella De Lucia e Francesca Fiorentini; fotografie Luca Arnone; Scarpe: Brand Collcetion Outlet)

 

 

Amore+Amore

Era stato preannunciato: l’intera redazione ha felicemente collaborato alla nascita e allo sviluppo dell’idea del “wedding corner”, ossia di immaginare un angolo, rappresentato da un comodino, da un tavolo o da altro supporto, che potesse rappresentare, ogni mese, il carattere di uno o di una coppia di futuri sposi. Già, perchè ognuno ha il suo carattere, i suoi sogni, le esigenze e le aspettative, riguardo il grande giorno. Questo è dedicato al tema: Amore+Amore. U. e U., ma anche D. e D., le abbiamo immaginate come coppie di futuri sposi che magari già convivono, come capita spesso di questi tempi. Che condividono molti interessi: arte, musica, design, fotografia. Che litigano, fanno pace, progettano fine settimana fuori porta e fanno i conti con il bilancio famigliare. Che hanno da occuparsi di genitori, amici, figli, animali. Che vivono una vita normale. perchè è la vita, comune a tutti noi, ad essere normale. Non è il sesso di chi si ama a determinarne la normalità o meno. Anzi: ci piacerebbe un domani vivere in un mondo in cui ogni essere umano, ed ogni coppia, è speciale: con i suoi hobby, le sue manie, le abitudini, le follie, i sentimenti.

(photo: Luca Arnone- Composizione floreale: Coral-Fiori e Interpretazioni- Styling: Architetti Silvia Maffeis e Antonella De Lucia, Sommelier Emanuela Pagani)