“Domenica Con”… Roberto Bolle

(di Marcella Previde Massara)

DOMENICA 10 MAGGIO MARATONA DI DANZA SU RAI STORIA CON ROBERTO BOLLE COME ANFITRIONE

Foto tratta da profilo Instagram robertobolleofficial


Dopo il successo di “Danza con me” e del suo recente “Best of” su Rai1 , la sua intensa attività sulla piattaforma OnDance che anche in questo periodo di pausa forzata continua la sua missione di diffusione della cultura della danza in tutte le sue forme, Roberto Bolle torna in televisione.
Lo fa componendo e commentando per i telespettatori il format di “Domenica Con” , il nuovo spazio di Rai Cultura curato da Giovanni Paolo Fontana ed Enrico Salvatori.
Un contenitore in cui la danza e il balletto non sono solo occasione di grande spettacolo, ma anche una chiave di lettura dei cambiamenti della nostra società che Roberto ha voluto dedicare alla grande ballerina Elisabetta Terabust, scomparsa proprio due anni fa.
La mattinata si aprira’ con “Serata a quattro stelle” di cui sono protagonisti Elisabetta Terabust, Patrice Bart, Joy Jolley, Dudley von Luggenbur; dalle 12.00 in poi seguirà un tuffo negli anni Cinquanta e Sessanta, per capire come il ballare sia stato recepito dalla gente nel dopoguerra e fino al boom economico, e come le balere ed in generale i luoghi di aggregazione siano stati il posto ideale per conoscersi e divertirsi ancora con pochi soldi.
Dalle 12.30 circa alle 14.00 avremo occasione per rivedere Roland Petit, Zizi Jeanmaire, Rita Pavone, Mina, Don Lurio, Lola Falana, Oriella Dorella, Raffaele Paganini, Heather Parisi, Alberto Sordi, Alberto Lionello.
Tra i pezzi più pregiati scovati da Bolle negli archivi delle Teche Rai e di Rai Cultura c’è il film di prima serata, proposto proprio nel giorno del compleanno del protagonista: Fred Astaire. E dell’uomo che negli anni ’50 è stato sinonimo della danza, va in onda uno dei film più noti, “Il cappello a cilindro” , interpretato con l’ inseparabile Ginger Rogers.
Subito dopo, a chiudere questa “Domenica con” c’è il balletto ispirato ad uno dei film più noti di Federico Fellini, “La Strada”, con protagonista Carla Fracci sulle note indimenticabili di Nino Rota.

Foto da sito “On dance”


Roberto presenterà, infine, anche la sua ultima trovata per danzare da casa tutti, come ha sempre fatto dal vivo e per strada, quando lo si poteva fare.
Ha, infatti, realizzato un collage di tutti i video che gli sono stati inviati di una coreografia creata appositamente, in cui centinaia e centinaia di ballerini vestiti di bianco si muovono sulle note di una musica suggettiva da lui scelta inventando “Il ballo in bianco”
Che dire.. anche questa volta si è confermato un grande.
Ti amiamo, Roberto.