Featured Posts

To top

Gipsy Hollywood

25 Jul

Gipsy Hollywood

(di Antonella Ravaglia)

foto-matrimonio-gipsyLo ammetto: appena ho saputo che il mood del periodo era “gipsy” il mio pensiero è andato diretto agli episodi de Il Mio Grosso Grasso Matrimonio Gipsy, ovvero il programma televisivo che racconta degli usi e costumi della comunità gitana americana nel preparare nozze, comunioni, anniversari e altre celebrazioni religiose. Insomma, vedendo un paio di puntate vi renderete sicuramente conto di quanto, se in un primo momento possa sembrare una cosa assolutamente stravagante e priva di regole, non è assolutamente così: l’esagerazione portata all’eccesso su ogni particolare si incontra con principi rigidissimi come il divieto di divorziare o di avere rapporti extra-coniugali, l’arrivare illibati al giorno delle nozze per entrambi gli sposi, la cerimonia che si svolge categoricamente la mattina. Tradizioni, quindi, che si tramandano di generazione in generazioni.

f6453b7b131e4d3566e1aea8026cfc59
Poi, naturalmente, c’è Hollywood coi suoi film che ci regala uno scorcio sul mondo gitano: Chocolat per esempio che, tra l’altro, è anche uno dei miei film preferiti ed è anche un romanzo. In un piccolo paesino francese arriva Vianne, interpretata da Juliette Binoche, con la figlia Anouk; Vianne apre una cioccolateria durante il digiuno quaresimale e sconvolge totalmente le abitudini dei cittadini, scoprendo piano piano i segreti più nascosti di ciascuno e usando il cioccolato come medicina per qualsiasi male. Tutto questo non fa che rendere Vianne poco simpatica al sacerdote e al sindaco del paese, visto che oltretutto la protagonista non si reca neanche in chiesa ma socializza con un gruppo di nomadi di passaggio, tra cui l’affascinante guida zingari Roux, Johnny Depp. Il vagabondare di Vianne, che alla fine decide di fermarsi nel piccolo paesino francese, l’essere vista come una persona “strana” perché ha abitudini diverse dai cittadini, la predica sulla vera libertà del parroco alla fine del film, sono tutti temi riconducibili ai gitani, nonostante la comunità zingara rappresenti una parte abbastanza marginale.

Esmeralda_transparentAnche se il film è ambientato nel 1959, i temi affrontati sono assolutamente attuali, cosa che si ripete anche nel Gobbo di Notre Dame: sia il film, sia il cartone animato che il romanzo di Victor Hugo, affrontano il tema del diverso e come il popolo gitano è riuscito ad adattarsi nonostante i luoghi ostili nel corso dei secoli, riuscendo comunque sempre a raggiungere un buon livello d’integrazione.
Sicuramente nel film della Disney i temi sono più leggeri e decisamente più adatti ai bambini rispetto al romanzo di Hugo che, come sappiamo si discosta completamente nel finale; nel film d’animazione, però, i colori e i vestiti di Esmeralda mi sembrano più propensi a suscitare un senso di felicità e di amore per la musica e il ballo.

 

 

chat-noir-chat-blanc-98-13-g
L’ultimo film di cui voglio parlarvi è una vera chicca: Gatto Nero Gatto Bianco. Il film è del regista jugoslavo Kusturica ed è pieno di personaggi gitani caratteristici, grotteschi, colmo di allegria, vitalità e divertimento. Forse un po’ troppo legato ai soliti stereotipi, ma sicuramente intelligente e mai noioso, con situazioni imprevedibili come il quartetto di giovani che, dopo varie avventure, approdano a un doppio matrimonio, o gli adulti antagonisti ma complici in loschi traffici o ancora la cocaina portata nel crocifisso.
Caotico e esagerato come un tradizionale matrimonio gipsy, insomma. Se volete passare due ore in allegria questo è un film che non potete perdervi, davvero consigliato.

(photo credit:GATTO NERO GATTO BIANCO http://www.cct-seecity.com/2016/05/gipsy-film-ovvero-gatto-nero-gatto-bianco/ESMERALDA http://disney.wikia.com/wiki/EsmeraldaCHOCOLAT https://it.pinterest.com/pin/267682771571713929/IL MIO GROSSO GRASSO GIPSY http://matrimonio.pourfemme.it/articolo/matrimonio-gipsy-cos-e-e-come-si-svolge-foto/13001/)

error: Content is protected !!