Featured Posts

To top

Mi Vuoi Sposare?- Dona Rosa

30 Jun

Mi Vuoi Sposare?- Dona Rosa

(di Chiara Franzon)

Dall’amore per il tango argentino è nata la passione per gli abiti e gli accessori da ballo e l’idea di “Dona Rosa”, lo show-room di Monica Losi.

Monica mi racconta della sua passione per il tango argentino che studia da 14 anni, del suo interesse per gli accessori e i vestiti per il ballo, della sua attività, di come affronta il suo lavoro, del rapporto che instaura con le spose e le ballerine che si rivolgono a lei, dei suoi progetti futuri, del suo sogno nel cassetto e dalle sue parole traspare tutta la passione e l’entusiasmo che mette in ciò che fa che è molto più di un lavoro, è parte di lei e della sua vita.

E, dall’amore per il tango, a Monica viene un’idea: perché non aprire un negozio di vestiti ed accessori per il ballo? E lo spazio che la sua famiglia ha a disposizione in città, a Cremona, è il posto giusto.

E così, nel 2012, inaugura il suo show-room e inizia l’avventura dì “Dona Rosa”.

Dona Rosa nasce come negozio specializzato in vestiti, scarpe e accessori per il ballo.

L’attività è cresciuta, si è allargata e ampliata e da due anni Monica ha introdotto anche le scarpe da sposa e qualche abito da cerimonia.

Le creazioni che si trovano nello show-room sono scarpe tecniche, pensate per chi balla e cerca la comodità. Tutte le calzature, realizzate utilizzando prodotti di qualità e grazie all’uso di vari accorgimenti per la pianta e il tacco, sono destinate a chi si muove e rimane molto tempo in piedi, ideali per una serata o una cerimonia.

Ogni sposa e ballerina ha la possibilità di far personalizzare la propria scarpa a seconda dei gusti, dei desideri, dell’occasione in cui andrà ad indossarla.

La soddisfazione più grande per lei è poter realizzare una scarpa scegliendo, oltre al colore, la forma e l’altezza del tacco, facendo montare la tomaia di una misura in più o in meno, in base all’esigenza del piede, “costruire” una scarpa anche unendo modelli diversi ed ogni creazione diventa unica e originale.

Il suo obiettivo è la felicità di chi indosserà le sue scarpe.

Anche nel caso in cui spose e ballerine arrivino in negozio già con un’idea, Monica non si limita a soddisfare i loro desiderata ma ne approfondisce i gusti, le emozioni,  per studiare ed individuare davvero i modelli e le scarpe più adatte al loro carattere e ai loro sogni.

Non è sempre facile soddisfare le richieste e serve tanta pazienza, ma riuscire a trovare la scarpa giusta è la gratificazione più bella.

Le future spose arrivano in negozio con molte idee diverse e non sempre chiare (“complici”, lo diciamo con affetto, anche amiche, mamme e zie), ma l’attenzione va subito alla nubenda, alle sue attese e aspettative per il giorno del matrimonio.

Cerchi una scarpa solo per il giorno del matrimonio o da indossare anche in altre occasioni?” E’ una delle prime cose che Monica chiede alla futura sposa.

Dopo aver visto l’abito della sposa, chiesto il colore scelto come base per fare da cornice alla cerimonia, propone e consiglia le scarpe da indossare.

E’ felice quando vede la meraviglia, lo stupore, l’entusiasmo della sposa davanti alla scarpa finita, pensata e realizzata insieme, solo e tutta per lei.

Ad ogni sposa che incontra ricorda che la cosa più importante è quella di essere se stessa, rispettando i propri gusti, piacersi e stare bene.

Ogni volta è una nuova sfida e con ogni sposa si instaura un rapporto unico e speciale ed è bello quando, dopo il matrimonio le spose tornano da lei per mostrarle le foto, per portarle i confetti o semplicemente per raccontarle che le scarpe erano comode, e che non hanno dovuto cambiarle.

Monica però non si ferma mai. Continua a crescere, informarsi migliorarsi, ed è sempre alla ricerca di nuove idee, andando alle fiere del settore (quelle specifiche per le spose), partecipando a corsi, leggendo manuali, guardando riviste e visitando mostre, ma anche passeggiando per la città e osservando tutto ciò che la circonda.

Tra le tante cose ed esperienze che mi racconta mi svela un sogno nel cassetto: riuscire a realizzare un suo private label. E noi le auguriamo di riuscirci al più presto.

www.donarosa.it